image-770
Enza Gentile
Psicologa a Roma
image-60

facebook
linkedin

vincenzinagentile.eg@gmail.com
Tel. 347.8571771

Enza Gentile
Psicologa a Roma

IL MIO BLOG

Enza Gentile 2019 @ ALL RIGHT RESERVED

Resilenza e Meditazione

2020-03-16 09:00

Dott.ssa Enza Gentile

Riflessioni, Mindfulness, Resilenza,

Resilenza e Meditazione

In questi giorni riflettevo su cosa intendiamo per resilienza psicologica e in che modo la pratica meditativa può incrementare le capacità di resilien

orange-flower-with-butterfly-87452-1584873533.jpg

In questi giorni riflettevo su cosa intendiamo per resilienza psicologica e in che modo la pratica meditativa può incrementare le capacità di resilienza e se può essere d’aiuto nelle grandi avversità della vita?

La resilienza è un termine inizialmente usato dalle scienze dei materiali e indica la capacità di un corpo di resistere alla deformazione dovuta ad un’aggressione e assorbirne l’energia elastica per tornare come prima.

La parola resilienza deriva dal latino ed è la sintesi di due differenti verbi SALIO, che significa rimbalzare o saltare indietro, in senso figurato non essere "toccato" da situazioni difficili, negative e INSILIO saltare su, risalire (nel medioevo descriveva l’azione del naufrago di saltare sulla barca).

Nel 1769 Antonio Genovesi nella sua opera "Delle lezioni di commercio ed economia civile", trasferisce le caratteristiche meccaniche della resilienza a qualcosa di umano, come le passioni, descrivendole come caratterizzate da elasticità "respingente".  La maggiore diffusione del termine in Italia avviene intorno al 2011 grazie ai mezzi cartacei e digitali. Il termine viene contemporaneamente mutuato dalla letteratura psicologica "cavalcando" la particolare attrattiva metaforica.

Per resilienza psicologica s’intende un processo dinamico che consente all’individuo di adattarsi alle avversità, alle epidemie, ai traumi, alle tragedie, alle fonti di stress quali problemi di salute, familiari, finanziari etc. mantenendo un atteggiamento non drammatico dell’esistenza. Boris Cyrulnik, neuropsichiatra, psicoanalista, l’ha definita "l’arte di navigare nei torrenti".  

 

Secondo la Prof.ssa Oliviero Ferraris il processo di resilienza si svolge in due tempi: in un primo momento le persone reagiscono mettendo in atto meccanismi di difesa e strategie che si usano abitualmente per dare senso all’accaduto, comprenderne i significati e i significanti, accettare il dolore e la sofferenza. In un secondo momento dopo la consapevolezza, si tenta di riorganizzare e ripartire da quello che è successo, dall’afflizione per un lutto, dalla rabbia per la diagnosi di una malattia cronica o oncologica, dai disastri ecologici.

L’ultima fase è la riorganizzazione ovvero l’attivazione della resilienza. Il processo di resilienza può trasformare le persone e arricchirle. Molti eventi della nostra vita non dipendono da noi come per esempio le pandemie, i terremoti, ma essere resilienti ci consente di avere un ruolo attivo, partecipativo per scrivere la nostra storia e quindi sviluppare accettazione e consapevolezza dell’imprevedibilità della vita nel suo umano accadere.La resilienza si sviluppa inoltre in relazione all’ambiente in un complesso rapporto reticolato sistemico e multifattoriale.

L’individuo per essere resiliente deve essere consapevole delle proprie risorse e dei propri limiti, in modo da riuscire a comprendere come "spendere" le energie, essere "duttile" e capire eventualmente  quando chiedere aiuto.La psicologa Edith Grotberg nel 1955 scriveva "la resilienza è la capacità umana di affrontare le traversie della vita, superarle e uscirne rinforzati, o addirittura trasformati".Resilienza dunque non è resistenza Resistere è un verbo molto antico [dal lat. Intr. resistĕre, comp. di re- e sistĕre «fermare, fermarsi»] opporsi a un’azione, contrastandone l’attuazione e impedendone o limitandone gli effetti. Indica quindi uno stato in cui si sta fermi e saldi.

Seguendo la metafora del naufrago che si appoggia saldamente ai bordi della barca lasciandosi trascinare.

Resistere è mettere in atto forze fisiche che non mutano, non trasformano, al contrario essere resiliente è adattamento, consapevolezza e trasformazione.

Nel processo di resilienza come nella meditazione la consapevolezza ha un ruolo molto centrale perché ci consente di avere padronanza dei nostri pensieri, delle emozioni, degli stati d’animo e delle sensazioni fisiche.

 

La mindfulness ci aiuta ad avere più disponibilità, più profondità e una maggiore chiarezza di prospettiva nelle situazioni e negli accadimenti personali e sociali.Se ci esercitiamo a essere padroni di noi stessi ogni circostanza può risultare gestibile anche se faticosa e difficile. La presenza mentale ci fa comprendere la paura, la diversità, il nuovo, la collera e la rabbia e nello stesso tempo consente ai pensieri "intrusivi" di non essere protagonisti della nostra mente.

Possiamo paragonare la presenza mentale ad un seme e nello stesso tempo ad un frutto.La resilienza nutre e rafforza il Sé, le pratiche di mindfulness sono pratiche di resilienza perché ci indicano la strada per avere un diverso rapporto con il corpo, la mente e l’altro.

Uno degli obiettivi delle pratiche di mindfulness è quello di vedere con più chiarezza la nostra vita e il dispiegarsi nell’interrelazione con il mondo.Infine se la resilienza nutre e rafforza il Sé, la mindfulness ci spinge a divenire più pazienti e gentili con noi stessi, ci allena a coltivare l’apertura mentale e la tenacia, qualità che contribuiscono sicuramente a rendere più leggera l’attrazione gravitazionale dell’ansia e dello stress. La pratica alla meditazione ci offre semplicemente il tempo e lo spazio per scegliere il modo migliore di risolvere le nostre difficoltà dando senso e significato ad ogni atto della nostra vita quotidiana, e non solo, insomma "abitare" la vita nell’unico momento che mai ci sia dato: qui e ora.

 

BIBLIOGRAFIA BREVE (PER GLI INTERESSATI)

Anna Oliviero Ferraris- Alberto Oliviero (2014) Più forti delle avversità, Bollati Boringhieri Ed.- Torino;

Jon Kabat - Zinn (2004) Vivere momento per momento, TEA ed. - Milano;

Jon Kabat - Zinn (2005) Riprendere i sensi, TEA ed. - Milano;

Elena Malaguti (2005) Educarsi alla resilienza. Come affrontare crisi e difficoltà e migliorarsi, Erickson-Trento;

Enciclopedia TRECCANI

https://accademiadellacrusca.it/ 

Cerca nel Blog

Categorie Articoli

 

Ultimi 10 articoli

    Ultimi articoli

    blog

    MINDFULNESS E SILENZIO
    Pratiche Mindfulness,
    MINDFULNESS E SILENZIO

    MINDFULNESS E SILENZIO

    Dott.ssa Enza Gentile

    2020-07-01 07:39

    Il silenzio non è mancanza di suoni ma un suono potente.Switch off, spegnere e fermarsi per qualche istante. è essenziale per scoprire il potere calmante del

    “Comunicavamo senza cercarci pur sapendo che camminavamo per incontrarci” J.Cortàzar
    Riflessioni, Pasqua,
    “Comunicavamo senza cercarci pur sapendo che camminavamo per incontrarci” J.Cortàzar

    “Comunicavamo senza cercarci pur sapendo che camminavamo per incontrarci” J.Cortàzar

    Dott.ssa Enza Gentile

    2020-04-12 09:27

    Oggi 12 aprile 2020 siamo tutti o quasi tutti nelle nostre case.Si legge, si sente, da molti giorni, che il tempo del coronavirus ha stravolto davvero

    La Fame Nervosa in Quarantena
    Pratiche Mindfulness, quarantena, fame nervosa,
    La Fame Nervosa in Quarantena

    La Fame Nervosa in Quarantena

    Dott.ssa Enza Gentile

    2020-04-05 09:56

    Gli esperti del comportamento alimentare la chiamano “Emotional Eating” ed è un impulso inconsapevole a consumare cibo in modo automatico...

    Morire ai tempi del Coronavirus
    Riflessioni, Coronavirus,
    Morire ai tempi del Coronavirus

    Morire ai tempi del Coronavirus

    Dott.ssa Enza Gentile

    2020-03-21 23:00

    Alla fine di febbraio in Italia si è alzato un sipario su una tragedia: "INFEZIONE DA SARS-CoV-2" meglio conosciuta come CODIV-19. Una tragedia che ci

    Il Respiro come Pronto Soccorso
    Pratiche Mindfulness, Coronavirus,
    Il Respiro come Pronto Soccorso

    Il Respiro come Pronto Soccorso

    Dott.ssa Enza Gentile

    2020-03-17 15:00

    Buongiorno, proviamo molto dolore per tutto quello che sta accadendo e raccomandiamo anche noi di stare a casa, consapevoli che non si può fare altro

    Resilenza e Meditazione
    Riflessioni, Mindfulness, Resilenza,
    Resilenza e Meditazione

    Resilenza e Meditazione

    Dott.ssa Enza Gentile

    2020-03-16 09:00

    In questi giorni riflettevo su cosa intendiamo per resilienza psicologica e in che modo la pratica meditativa può incrementare le capacità di resilien

    Mindfulness ovvero consapevolezza ai tempi del Coronavirus
    Riflessioni, Mindfulness, Coronavirus,
    Mindfulness ovvero consapevolezza ai tempi del Coronavirus

    Mindfulness ovvero consapevolezza ai tempi del Coronavirus

    Dott.ssa Enza Gentile

    2020-02-26 10:32

    Riflettevo come con la meditazione è più chiara la differenza tra vivere la realtà presente o percepirla attraverso i giudizi situazionali, le reazion

    La Paura del Coronavirus
    Riflessioni, Attualità,
    La Paura del Coronavirus

    La Paura del Coronavirus

    Dott.ssa Enza Gentile

    2020-02-21 12:00

    Il coronavirus è ormai entrato nel nostro immaginario e conferma come scrive Nadia Terranova sul Foglio due certezze: la prima reazione è la paura di

    Esercizio di Mindfulness
    Pratiche Mindfulness, Mindfulness,
    Esercizio di Mindfulness

    Esercizio di Mindfulness

    Dott.ssa Enza Gentile

    2020-02-08 11:00

    Un esercizio di rilassamento
    Create a FREE Website