image-770
Enza Gentile
Psicologa a Roma
image-60

facebook
linkedin

vincenzinagentile.eg@gmail.com
Tel. 347.8571771

Enza Gentile
Psicologa a Roma

IL MIO BLOG

Enza Gentile 2019 @ ALL RIGHT RESERVED

L'Altrà Metà - Il coraggio di essere se stessi

2021-08-17 10:46

Dott.ssa Enza Gentile

Riflessioni,

L'Altrà Metà - Il coraggio di essere se stessi

"The half of It"  tradotto in italiano con “L ‘altra meta”, letteralmente significa “con il resto della storia”o “ la meta delle cose”, è un film di A

alexxislemiredanieldiemerleahlewishdthehalfofit-1629190147.jpg

"The half of It"  tradotto in italiano con “L ‘altra meta”, letteralmente significa “con il resto della storia”o “ la meta delle cose”, è un film di Alice Wu del 2020 prodotto sulla piattaforma di Netflix.

La trama è semplice, la storia si svolge nella piccola cittadina di Squahamish, Canada. La protagonista della storia è Ellie Chu, una studentessa estremamente brillante, geniale, all’ultimo anno di liceo.

E’ una ragazza molto introversa che vive un dramma familiare. Il padre ingegnere  immigrato a Squahamish dalla Cina in cerca di fortuna, in realtà fa il lavoro di guardiano dei binari di una stazione . Alla morte della moglie cade in una profonda depressione e Ellie si deve occupare di lui, sostituendolo nel suo lavoro, nel mantenimento della famiglia gestendo un business di vendita di saggi e componimenti per alcuni compagni della sua classe.

Un bel giorno, la sua routine viene spezzata dall'incontro/scontro con il giocatore di football Paul Munsky, un ragazzo semplice che non riesce ad esprimere le sue emozioni, impacciato, primitivo e poco colto ma con un ‘idea fissa di trasformare l’azienda familiare .

Si è innamorato di Aster, figlia del pastore, bella, gentile, raffinata e colta, molto popolare tra i compagni di scuola.

All’inizio Ellie non vuole accettare di aiutare Paul a scrivere per lui lettere d’amore ad Aster Flores ma riceve una chiamata dalla compagnia erogatrice di luce che sta per staccare la corrente in casa e quindi è costretta , per soldi, ad accogliere la richiesta del compagno.

Nasce così inaspettatamente un’amicizia profonda tra i due ragazzi che non è solo “mutuo aiuto” ma l’incontro di due anime che cercano la loro identità, sperimentano la ricerca dell’amore, tra intimità, passione e impegno di desideri repressi in una cittadina con credenze, luoghi comuni tipici di alcune realtà americane ma in senso universale di tutte le cittadine provinciali.

Ellie non ha un buon rapporto con la sua femminilità, si veste come una matrioska per nascondere le sue forme, non considera il suo corpo, è pudica, un maschiaccio. Lei utilizza il meccanismo dell’intellettualizzazione, tipico degli adolescenti, mentalizzando e rimanendo staccata dalle provocazioni e dagli attacchi dei “bulli” della cittadina.

Se L’amore adolescenziale è caratterizzato dall'idealizzazione totale della persona amata attraverso cui rispecchiarsi e trovare le parti migliori di sé, anche Paul si rispecchia nell’interiorità matura di Ellie per arrivare a se stesso, per conoscersi  e dare voce ai suoi desideri e sogni e si perde in Ellie.

Ellie in questo triangolo comunicativo, cerca inconsapevolmente una seconda via per coltivare le affinità che scopre piano piano di avere con Aster e si identifica con Paul e i sentimenti per Aster si rivelano e si sovrappongono differenziandosi da quelli di Paul e la sua ricerca di conquistare la ragazza diviene personale, viscerale e si sovrappone a quella di Paul

Ma quello di Ellie non è inizialmente amore desiderato ma neanche immaginato, è una scoperta che piano piano prende vita nella ragazza e solo alla fine del film audacemente si rivela; esce dal ripostiglio dell’inconscio e fa coming out durante una funzione in chiesa, dove  Il velo che copre l’ ipocrisia e le congetture degli adulti  per i giovani cade e la verità risuona  fastidiosa reale, come un tuono.

Ellie ha il coraggio di rompere gli schemi, la lucidità di affermare con forza il suo Io ed è allora che la sua energia trascina i ragazzi ad andare verso il futuro sognato, nella consapevolezza che tutto può accadere, che tutto può essere perché l’amore giovanile come racconta Jacques Prévert  si manifesta davanti agli occhi disapprovanti e indignati degli adulti perché ha una grande vitalità che supera i confini  delle sovrastrutture egoiche del mondo degli adulti e può anche avvolgerli.

 

La narrazione del film apparentemente è semplice e dinamica perché lascia allo spettatore la possibilità di cogliere le sfumature e di comprendere fino in fondo la sensibilità dei giovani personaggi; i temi dell’omosessualità, della religione, dell’immigrazione, delle tradizioni, sono trattati con delicata e impercettibile leggerezza, sfiorati ma incisivi. Non una storia vissuta, reale ma una storia possibile.

Il finale potrebbe sembrare melenso ma è pur sempre un inno alla vita, un inno alla possibilità di vivere fino in fondo le scelte senza il pregiudizio e i costrutti dei grandi che pensano al posto dei figli. Gli adulti come già accennato, spesso si fermano ad una lettura superficiale e di facciata dei bisogni dei giovani e lo spettatore potrebbe cadere nello stesso errore di guardare ai personaggi con gli occhi di chi vede e si ferma alle apparenze e alla semplicità del teen dramma.

Ma nella semplicità spesso si nasconde la complessità.

 

La fotografia è molto curata, sembra riflettere gli stati d’animo dei giovani in formazione e dà la percezione del passaggio da un’epoca ad un’altra, attivando il desiderio ontologico dello spettatore di riconoscere in maniera ambigua i sentimenti dei protagonisti

Nel film si parla anche dell’amore della madre di Ellie per il cinema; il padre e Ellie mangiano davanti alla televisione è sembra che c’è un momento nel film che è la “parte migliore” che non può essere interrotto da nulla…. anche Paul quando va casa vede film con loro. Come se il linguaggio del film desse da una parte immobilità e dall’altra restituisse la verità sulle cose, che la fotografia del film tende a sospendere tra un prima e un dopo

La scenografia è costruita con intelligenza matematica perché affronta, lasciando allo spettatore la comprensione profonda, tutte le tematiche dell’identificazione sessuale, dell’accettazione, dei sentimenti aggrovigliati e la ricerca di senso del Sé nell’altro.

I giovani attori, poco conosciuti, sono molto bravi.

 

Il film merita di essere visto perchè in modo originale insegna che l'amore è anche amicizia, affetto, consapevolezza e coraggio di essere se stessi.

 

Enza Gentile psicologa-psicoterapeuta

Cerca nel Blog

Categorie Articoli

 

Ultimi 10 articoli

    Ultimi articoli

    blog

    L'Altrà Metà - Il coraggio di essere se stessi
    Riflessioni,

    L'Altrà Metà - Il coraggio di essere se stessi

    Dott.ssa Enza Gentile

    2021-08-17 10:46

    "The half of It"  tradotto in italiano con “L ‘altra meta”, letteralmente significa “con il resto della storia”o “ la meta delle cose”, è un film di A

    CONSAPEVOLEZZA OVVERO MINDFULNESS
    Pratiche Mindfulness,

    CONSAPEVOLEZZA OVVERO MINDFULNESS

    Dott.ssa Enza Gentile

    2021-06-16 17:44

    Nel corso degli ultimi anni il concetto di consapevolezza ha destato grande interesse in diversi ambiti disciplinari quali la psicologia, le neuroscienze, la so

    CORSO MINDFULNESS
    Pratiche Mindfulness,

    CORSO MINDFULNESS

    Dott.ssa Enza Gentile

    2021-03-20 17:01

    Corso Mindfulness - Protocollo MBSR

    MINDFULNESS E SILENZIO
    Pratiche Mindfulness,

    MINDFULNESS E SILENZIO

    Dott.ssa Enza Gentile

    2020-07-01 07:39

    Il silenzio non è mancanza di suoni ma un suono potente.Switch off, spegnere e fermarsi per qualche istante. è essenziale per scoprire il potere calmante del

    “Comunicavamo senza cercarci pur sapendo che camminavamo per incontrarci” J.Cortàzar
    Riflessioni, Pasqua,

    “Comunicavamo senza cercarci pur sapendo che camminavamo per incontrarci” J.Cortàzar

    Dott.ssa Enza Gentile

    2020-04-12 09:27

    Oggi 12 aprile 2020 siamo tutti o quasi tutti nelle nostre case.Si legge, si sente, da molti giorni, che il tempo del coronavirus ha stravolto davvero

    La Fame Nervosa in Quarantena
    Pratiche Mindfulness, quarantena, fame nervosa,

    La Fame Nervosa in Quarantena

    Dott.ssa Enza Gentile

    2020-04-05 09:56

    Gli esperti del comportamento alimentare la chiamano “Emotional Eating” ed è un impulso inconsapevole a consumare cibo in modo automatico...

    Morire ai tempi del Coronavirus
    Riflessioni, Coronavirus,

    Morire ai tempi del Coronavirus

    Dott.ssa Enza Gentile

    2020-03-21 23:00

    Alla fine di febbraio in Italia si è alzato un sipario su una tragedia: "INFEZIONE DA SARS-CoV-2" meglio conosciuta come CODIV-19. Una tragedia che ci

    Il Respiro come Pronto Soccorso
    Pratiche Mindfulness, Coronavirus,

    Il Respiro come Pronto Soccorso

    Dott.ssa Enza Gentile

    2020-03-17 15:00

    Buongiorno, proviamo molto dolore per tutto quello che sta accadendo e raccomandiamo anche noi di stare a casa, consapevoli che non si può fare altro

    Resilenza e Meditazione
    Riflessioni, Mindfulness, Resilenza,

    Resilenza e Meditazione

    Dott.ssa Enza Gentile

    2020-03-16 09:00

    In questi giorni riflettevo su cosa intendiamo per resilienza psicologica e in che modo la pratica meditativa può incrementare le capacità di resilien

    Mindfulness ovvero consapevolezza ai tempi del Coronavirus
    Riflessioni, Mindfulness, Coronavirus,

    Mindfulness ovvero consapevolezza ai tempi del Coronavirus

    Dott.ssa Enza Gentile

    2020-02-26 10:32

    Riflettevo come con la meditazione è più chiara la differenza tra vivere la realtà presente o percepirla attraverso i giudizi situazionali, le reazion

    La Paura del Coronavirus
    Riflessioni, Attualità,

    La Paura del Coronavirus

    Dott.ssa Enza Gentile

    2020-02-21 12:00

    Il coronavirus è ormai entrato nel nostro immaginario e conferma come scrive Nadia Terranova sul Foglio due certezze: la prima reazione è la paura di

    Esercizio di Mindfulness
    Pratiche Mindfulness, Mindfulness,

    Esercizio di Mindfulness

    Dott.ssa Enza Gentile

    2020-02-08 11:00

    Un esercizio di rilassamento
    Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder